Vignette

La dura legge dell’ Ex

Verifica questa notizia !

Dura lex sed l’ Ex

Ora che anche Roma è caduta cominciano le indagini su chi abbia commissionato il voto disgiunto.

Siamo sicuri che non sia stato solo un problema di candidato sbagliato?

Siamo sicuri che per un partito tutto nuovo che guarda al paese candidare l’ex sindaco, l’ex candidato premier, l’ex vice premier non sia stato un po’ troppo per gli elettori? Siamo sicuri che non era meglio candidare Zingaretti a sindaco?

Mi chiedo se adesso ricominceremo con le “nuovissime” polemiche molto anni ’90 fra ex Dalemiani e ex Veltroniani, ex Rutelliani e tutti gli altri ex. Siamo sicuri che il paese abbia davvero bisogno di tutto cio?

Anche se sono stati compiuti non trascurabili errori tattici e la partecipazione delle scelte non si è ispirata ai giusti criteri di democrazia a cui un partito di massa come il PD dovrebbe attenersi, non credo che sia il momento di aprire una fase congressuale.

L’unico risultato sarebbe di far ripiegare l’agire politico del partito in polemiche e divisione interne piuttosto che nella costruzione di quella forza politica seria, credibile che abbiamo coraggiosamente iniziato a costruire.

Lo slogan più efficace della campagna elettorale è stato quello che invitava a guardare al paese e non al partito, facciamolo davvero!

“Coltiviamo il nostro giardino”, lavoriamo nei nostri orizzonti con gli strumenti che ci siamo dati: buoni programmi per il paese e primarie per i candidati.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>