Vignette

Riforma del Teatro e dello spettacolo dal vivo

Verifica questa notizia !

tv3

Il dibattito ha avuto il rilievo che l’importanza del tema meritava.

L’affondo di Carmignani sulla prima pagina de Il Messaggero è rispettabile ma in qualche punto fuori bersaglio.

Il decreto trasforma i teatri stabili in due sostanziali macro categorie basate su criteri di tipo quantitativo.

La scelta di diventare teatro di interesse culturale e non teatro nazionale è data dai numeri previsti dal decreto e non è nella disponibilità della Regione Umbria; Bracco non può scegliere di far diventare l’Umbria grande come la Lombardia.

Altro invece è cogliere l’occasione che il decreto offre per ripensare il rapporto fra distribuzioni e produzioni teatrali, liriche e della danza, locali.

A questa sfida a cui è legato il futuro culturale dell’Umbria, in questi anni in cui i comuni sono impossibilitati a collaborare, la Regione non potrà e di certo non vorrà sottrarsi.

Il Coraggio di cambiare e il Partito Democratico dell’Umbria si impegnano a seguire il percorso di riforma nelle sue attuazioni regionali.

 

Leggi l’articolo de Il messaggero

Leggi l’articolo de Il corriere dell’Umbria

2 comments to Riforma del Teatro e dello spettacolo dal vivo

  • Maurizio Modesti

    Caro Nicola, al netto delle reazioni sopra le righe che facevano riferimento a storie pregresse poco interessanti per il dibattito, la sensazione era che tutto fosse già deciso, nel cambiare perché nulla cambi. Non volere conivolgere in un vero dibattito dal basso gli operatori, credo sia una pratica che ha portato solo guasti al partito Democratico. Bisognerebbe domandarsi se la macchina TSU è ancora utile o va cambiata? O forse rinnovata per renderla meno autoreferenziale, ma più utile allo sviluppo delle varie ed interessanti realtà regionali. Leggere un bilancio del TSU e confrontarlo con il bilancio della Legge 17 è illuminante.

  • Scusa il ritardo nella risposta ma mi era sfuggito il tuo commento Maurizio. Ho risposto tuttavia alle tue domande con l’intervista sul corriere dell’umbria che trovi pubblicata qui sul blog

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>